PRIMO SOCCORSO PER PICCOLI TRAUMI DA MOVIMENTO

Consigli utili per piccoli traumi da movimento

“Il movimento è vita”, dicevano gli antichi filosofi greci. Ma è anche vero che, se non si presta la dovuta attenzione mentre si fa attività fisica, si corre il rischio di farsi male! Infatti, anche se uno degli obiettivi dell’attività sportiva in generale è quello di potenziare il fisico per conservare al meglio il nostro stato di salute, durante lo svolgimento di queste attività possono verificarsi degli incidenti più o meno gravi. Come praticare dunque al meglio un primo soccorso per piccoli traumi da movimento? Per prima cosa, ricordiamo che un trauma sportivo ha origine da un infortunio improvviso, involontario e imprevedibile, che colpisce l'organismo dall'esterno provocando delle alterazioni funzionali più o meno gravi. Al trauma da sport è connesso il concetto di "primo soccorso", ovvero l'insieme di quelle tempestive manovre che gli amici, gli allenatori, i compagni di squadra possono praticare al fine di alleviare, almeno momentaneamente, la sofferenza del soggetto interessato dal trauma. Tra i più diffusi piccoli traumi sportivi ricordiamo:


•    Contusioni: si verificano in seguito ad un urto violento di una parte del corpo con un corpo estraneo. Sintomi: vi può essere gonfiore e arrossamento, dopo pochi minuti può comparire un livido bluastro. Se si verifica la rottura di piccoli vasi sanguigni superficiali si ha l’ecchimosi, se il versamento è più profondo e abbondante si ha l’ematoma. Primo soccorso: applicare impacchi freddi e ghiaccio, che servono a restringere i vasi. Evitare qualsiasi tipo di massaggio perché favorirebbe il versamento interno di sangue.


•    Ferite e abrasioni: si verifica rottura della cute con fuoriuscita di sangue: le abrasioni sono più superficiali, le ferite più profonde. I sintomi comportano bruciore e fuoruscita di sangue. Come intervento di primo soccorso è bene disinfettare con abbondante acqua ossigenata o prodotti affini, altrimenti lavare con acqua e sapone neutro e applicare una garza sterile. Se la ferita è stata causata da un oggetto arrugginito o sporco verificare se il soggetto ha fatto il vaccino antitetanico, in caso contrario è necessario provvedere presso il più vicino ambulatorio ospedaliero. Evitare massaggi che favorirebbero l'emorragia, e di prestare soccorso senza aver prima disinfettato le proprie mani.


•    Distorsioni e lussazioni: si tratta di traumi che interessano le articolazioni, con allontanamento temporaneo o permanente dei capi articolari. Sintomi: dolore molto forte; gonfiore; notevole limitazione o impossibilità di compiere il movimento. Primo soccorso: immobilizzare l'articolazione interessata, effettuare impacchi freddi o applicare ghiaccio per un tempo sufficientemente lungo. In caso di lussazione dopo l'immobilizzazione, trasportare il soggetto il più in fretta possibile all'ospedale. Evitare qualsiasi manipolazione  o consigli tipo "battere forte il piede a terra in caso di "storta".


•    Stiramenti e strappi: sono rispettivamente, lacerazioni di poche o numerose fibre muscolari. Sintomi: dolore acuto, impossibilità di compiere movimenti, ematoma per rottura di capillari sanguigni, formazione di piccolo nodulo sottocutaneo o avvallamento a seguito della rottura delle fibre muscolari. Primo soccorso: immobilizzare la parte interessata, effettuare immediati impacchi freddi.  Applicare piu’ volte una crema antiinfiammatoria naturale localmente piano piano. Evitare manovre manuali e massaggi. Se il dolore persiste dopo 24 ore consultare il medico.


•    Crampi: sono contrazioni involontarie di un muscolo, accompagnate da dolore e incapacità di compiere movimento. Possono essere determinati da una eccessiva fatica del muscolo (formazione di acido lattico), una non adeguata irrorazione sanguigna a causa del freddo, una eccessiva umidità, una posizione forzata. Sintomo Il muscolo interessato è dolente e appare estremamente contratto. Primo soccorso: cercare di distendere (allungare) il muscolo contratto. Effettuare massaggi con movimenti lenti. Evitare sforzi eccessivi, il crampo è un campanello d'allarme. Interrompere l'attività.

Condividi con i tuoi amici su:  

Articoli del Blog

COME CURARE LE DISTORSIONI
del 03/11/2016

VIAGGIARE IN SALUTE
del 26/07/2016

PAUSE SOSPETTE E DOLORI AL POLPACCIO
del 13/05/2016

I CANNELLI DI ZOLFO
del 21/03/2016

SCHIENA FLESSIBILE ED ELASTICA IN 6 MOSSE
del 04/03/2016

IL SALE COME ASSUMERLO AL MEGLIO
del 16/02/2016

IL BUONUMORE SALE DAI PIEDI
del 23/10/2015

L'ENERGIA TRAVOLGENTE DEL SAMBA FIT
del 14/07/2015

BELLEZZA IN BICICLETTA
del 21/06/2015

TUTTI PAZZI PER IL BEACH TENNIS
del 26/05/2015

IL VIRTUAL TRAINER
del 29/04/2015

COME COMBATTERE IL TORCICOLLO
del 09/04/2015

I FATTORI DI RISCHIO DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI del DOTT. MARIO TRIVELLATO
del 02/04/2015

TUTTI IN FORMA CON IL PILOXING!
del 25/03/2015

IL POTERE CREATIVO E TERAPEUTICO DEL PASSEGGIARE
del 16/03/2015

Eventi

I NOSTRI NAZIONALI DI KICKBOXING E TAEKWONDO
del 29/05/2015

RBREMEDIA TRA GLI SPONSOR DI ALEP
del 11/04/2015

Una vittoria dopo l'altra per il IL NUOVO VOLTO RB 2015
del 10/04/2015

IL CONFLITTO NELLO SPORT E NELLA VITA
del 01/09/2016

IL CAMBIAMENTO...
del 09/07/2016

DOLORI E BLOCCHI EMOTIVI
del 25/11/2015

LO SPORT, IL TRAUMA E LA RESILIENZA
del 13/12/2014

LA RUOTA DEL CAMBIAMENTO
del 23/09/2014

PSICOLOGIA POSTURALE Dott.ssa Bonato
del 01/08/2014

SPORT E AUTOSTIMA Dott.ssa Bonato
del 24/06/2014

SPORT E BENESSERE, SPORT È BENESSERE- Dott.ssa Bonato
del 30/04/2014

Interviste Esclusive

Rosanna Martin - Campionessa di Corsa
del 19/06/2014