LE LESIONI AI MUSCOLI ADDUTTORI? SI RIPARANO CON IL LASER

QUANDO TRASCURATE E NON CURATE A DOVERE, QUESTE LESIONI POSSONO DIVENTARE CRONICHE. 
 
Tra gli spauracchi più temibili per chi pratica sport ci sono le lesioni muscolari.

Un muscolo lesionato, oltre a dolori lancinanti, significa il fatto di dover sospendere, anche per lunghi periodi, l’attività sportiva: note decisamente dolenti per chi ama fare movimento!

Le lesioni agli adduttori sono a carico dei muscoli situati nella parte interna della coscia. In genere, rientrano nella categoria delle distrazioni muscolari, che possono essere di primo, secondo o terzo grado.

Gli infortuni agli adduttori si riscontrano piuttosto frequentemente ad esempio nel tennis, perché questi muscoli sono sottoposti a forti contrazioni eccentriche durante le accelerazioni rapide, i movimenti laterali, gli arresti improvvisi e i cambi di direzione.

Quando si gioca sull’erba o sulla terra, la causa più comune è una corsa poco stabile, che spesso comporta scivolate che causano una super-estensione dei muscoli inguinali (ad esempio durante le spaccate). Sulle superfici dure gli infortuni possono insorgere durante i recuperi laterali, ad esempio su una palla particolarmente angolata.

Quando trascurate o non trattate adeguatamente, queste lesioni possono diventare croniche. Quali i sintomi di una lesione ai muscoli adduttori? In primis dolore acuto e difficoltà a compiere movimenti.

Sensibilità alla palpazione dei tendini degli adduttori o all’inserzione dell’osso pubico e dolore avvertito nell’adduzione contro resistenza. Si possono riscontrare anche gonfiore o ematoma, più frequentemente alcuni giorni dopo l’infortunio iniziale.

Se l’infortunio è serio, alla palpazione si può riscontare un’evidente contrattura o un buco nel muscolo interessato.

Non appena il dolore ed il gonfiore si sono attenuati (da alcuni giorni fino ad una settimana) si può riprendere l’allenamento: il dolore è il sintomo su cui basarsi per l’interruzione e il riposo.

Attenzione: superare la soglia del dolore può allungare i tempi di guarigione! In sintesi, le lesioni agli adduttori si verificano quando c’è una sproporzione tra la forza impressa nel movimento e la resistenza ed elasticità del muscolo.

All’origine delle lesioni agli adduttori, spesso c’è debolezza muscolare, un cattivo stretching prima e dopo l’attività fisica, o un sovrallenamento. Queste le cause principali delle lesioni agli adduttori.

Fare una diagnosi precisa non è facile, per questo è sempre raccomandabile rivolgersi ad uno specialista. Nei casi di lesioni agli adduttori, è fondamentale formulare una diagnosi tempestiva, una valutazione clinica corretta che solo uno specialista può fare dopo un’accurata visita. In seguito, il grado di distrazione muscolare è rilevabile attraverso un’ecografia muscolare.

Una volta che lo specialista arriva alla diagnosi, il trattamento che si è dimostrato più efficace per risolvere le lesioni agli adduttori è quello con il laser ad alta potenza. Studi scientifici, ancora in corso, dimostrerebbero infatti che questa metodologia è in grado di promuovere la riparazione e la rigenerazione del tessuto muscolare. Il trattamento per le lesioni ai muscoli adduttori si struttura in varie brevi sedute, in cui si eseguono due o tre microapplicazioni laser di durata inferiore ai 30 secondi. Il ciclo di trattamento si compone di solito di circa 30 microapplicazioni laser, distribuite diversamente secondo i casi e la patologia da trattare. Un ciclo terapeutico può quindi durare da 3 a 10 giorni. Terminato il trattamento, composto da uno o più cicli terapeutici, è importante stabilire un controllo a distanza di 15-30 giorni, poiché il risultato va valutato nel tempo.

La cosa più importante non è la strumentazione utilizzata, ma le modalità con cui lo specialista esegue la procedura. Per le lesioni agli adduttori i farmaci non sono risolutivi. Possono essere di grande aiuto creme antinfiammatorie a base di piante medicamentose da massaggiare sulla parte lesionata. 

Condividi con i tuoi amici su:  

Articoli del Blog

CONTRO L'INTESTINO PIGRO TANTO MOVIMENTO E L'USO DELLE ERBE

COME COMBATTERE IL MAL D'AUTUNNO

COME CURARE LE DISTORSIONI

VIAGGIARE IN SALUTE

PAUSE SOSPETTE E DOLORI AL POLPACCIO

I CANNELLI DI ZOLFO

SCHIENA FLESSIBILE ED ELASTICA IN 6 MOSSE

IL SALE COME ASSUMERLO AL MEGLIO

IL BUONUMORE SALE DAI PIEDI

L'ENERGIA TRAVOLGENTE DEL SAMBA FIT

BELLEZZA IN BICICLETTA

TUTTI PAZZI PER IL BEACH TENNIS

IL VIRTUAL TRAINER

COME COMBATTERE IL TORCICOLLO

I FATTORI DI RISCHIO DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI del DOTT. MARIO TRIVELLATO

Eventi

I NOSTRI NAZIONALI DI KICKBOXING E TAEKWONDO

RBREMEDIA TRA GLI SPONSOR DI ALEP

Una vittoria dopo l'altra per il IL NUOVO VOLTO RB 2015

IL CONFLITTO NELLO SPORT E NELLA VITA

IL CAMBIAMENTO...

DOLORI E BLOCCHI EMOTIVI

LO SPORT, IL TRAUMA E LA RESILIENZA

LA RUOTA DEL CAMBIAMENTO

PSICOLOGIA POSTURALE Dott.ssa Bonato

SPORT E AUTOSTIMA Dott.ssa Bonato

SPORT E BENESSERE, SPORT È BENESSERE- Dott.ssa Bonato

Interviste Esclusive

Rosanna Martin - Campionessa di Corsa