CONTRO L'INTESTINO PIGRO TANTO MOVIMENTO E L'USO DELLE ERBE

CONTRO L’INTESTINO PIGRO, TANTO MOVIMENTO E L’USO DELLE ERBE
Cattive abitudini alimentari e vita sedentaria causano l’atonia delle pareti intestinali

 L'intestino pigro può essere una condizione episodica o una vera e propria sindrome.

E' bene non sottovalutare mai questo genere di problematica e approfondirne le cause che possono essere di varia origine.

Tanti pensano che basti un lassativo qualsiasi per risolvere il problema, in più c’è un’estrema reticenza a parlarne…

Risultato: spesso i pazienti arrivano dal medico quando ormai sopportano i sintomi da anni, dopo aver provato ogni genere di “fai da te”.

La conseguenza diretta dell’intestino pigro è la stitichezza, o stipsi, che consiste in un ritardo più o meno accentuato nell’eliminazione delle feci. E’ difficile stabilire un numero normale di evacuazioni, poiché ogni intestino lavora secondo i propri ritmi.

Tuttavia, si può parlare di “stipsi” quando le feci non vengono eliminate più di 3 volte a settimana.

Prescindendo dalle cause fisiche, il fatto di avere il cosiddetto “intestino pigro” per lo più dipende da cattive abitudini alimentari - come ricorrere ad un’alimentazione frettolosa e povera di cibi vegetali ed integrali - e da cattive abitudini comportamentali, come condurre una vita sedentaria.

In casi di intestino pigro, è opportuno ricorrere ai farmaci solo dietro consiglio medico, mentre è basilare adottare abitudini alimentari adeguate ed uno stile di vita più corretto: in primis, fare movimento, bere abbondantemente, seguire un’alimentazione ricca di fibre e liquidi, mangiare con calma e in orari regolari, evitare di reprimere lo stimolo naturale.

La vita sedentaria induce atonia delle pareti intestinali, ed è quindi la causa principale dell’intestino pigro.

Al contrario, una regolare attività fisica tonifica i muscoli dell’addome, facilitando la motilità intestinale.

Le fibre, oltre a trattenere i liquidi che rendono le feci più morbide, producono una maggiore quantità di scorie fecali, che sollecitano meccanicamente i movimenti.

Tra gli alimenti ricchi di fibre ad azione lassativa, segnaliamo in particolare: avena, kiwi, prugne, bietole, cavoli, cicorie e carciofi.

Laddove ciò risultasse insufficiente per contrastare l’intestino pigro, è utile avvalersi di miscele di piante ad azione lassativa, che agiscono in maniera sinergica.

L’effetto purgante varia in base alle condizioni in cui è cresciuta la pianta e alle metodiche di lavorazione, per cui è utile avvalersi del consiglio di un professionista.

Tra le piante principali consigliate ricordiamo: senna, cascara, cassia, aloe e rabarbaro, ricche di glucosidi antrachinonici ad attività purgante.

La senna possiede un particolare tropismo elettivo nei confronti dell’intestino crasso e i suoi sennosidi si comportano come pro farmaci, acquisendo azione lassativa solo dopo essere stati metabolizzati dalla flora batterica intestinale.

La reina, il principio attivo caratteristico della senna, è scarsamente assorbito e agisce in situ esaltando la secrezione di acqua ed elettroliti nel lume intestinale, inibendo il riassorbimento e aumentando il contenuto enterico, che di fatto rappresenta un grosso stimolo per l’aumento di motilità dell’intestino crasso.

E’ sempre utile associare erbe come finocchio, cumino e carvi - che aiutano ad eliminare il gonfiore intestinale che si forma a causa della cattiva digestione - oltre a piante ad azione coleretica e colagoga, che stimolano la produzione di bile da parte del fegato, come il tarassaco, il marrubio e il boldo.

La radice di liquirizia svolge una leggera azione lassativa grazie alla presenza di mannite, che agisce attirando acqua nel colon.

Utili per alleviare i fastidi da intestino pigro risultano anche le piante ad azione eupeptica ed emolliente-lubrificante, quali la genziana e la malva, ed altre di tipo meccanico, tipo i semi di psillio, che, che grazie alla ricchezza di mucillagini, incrementano la motilità intestinale.

Un consiglio in chiusura: al mattino appena svegli è bene bere un bicchiere di acqua naturale non fredda con un cucchiaino di miele. L’acqua con il miele ripulisce il tubo digerente e aiuta i reni a drenare le scorie che si accumulano di notte, producendo un effetto sgonfiante sin dal mattino.

Condividi con i tuoi amici su:  

Articoli del Blog

CONTRO L'INTESTINO PIGRO TANTO MOVIMENTO E L'USO DELLE ERBE
del 15/03/2018

COME CURARE LE DISTORSIONI
del 03/11/2016

VIAGGIARE IN SALUTE
del 26/07/2016

PAUSE SOSPETTE E DOLORI AL POLPACCIO
del 13/05/2016

I CANNELLI DI ZOLFO
del 21/03/2016

SCHIENA FLESSIBILE ED ELASTICA IN 6 MOSSE
del 04/03/2016

IL SALE COME ASSUMERLO AL MEGLIO
del 16/02/2016

IL BUONUMORE SALE DAI PIEDI
del 23/10/2015

L'ENERGIA TRAVOLGENTE DEL SAMBA FIT
del 14/07/2015

BELLEZZA IN BICICLETTA
del 21/06/2015

TUTTI PAZZI PER IL BEACH TENNIS
del 26/05/2015

IL VIRTUAL TRAINER
del 29/04/2015

COME COMBATTERE IL TORCICOLLO
del 09/04/2015

I FATTORI DI RISCHIO DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI del DOTT. MARIO TRIVELLATO
del 02/04/2015

TUTTI IN FORMA CON IL PILOXING!
del 25/03/2015

Eventi

I NOSTRI NAZIONALI DI KICKBOXING E TAEKWONDO
del 29/05/2015

RBREMEDIA TRA GLI SPONSOR DI ALEP
del 11/04/2015

Una vittoria dopo l'altra per il IL NUOVO VOLTO RB 2015
del 10/04/2015

IL CONFLITTO NELLO SPORT E NELLA VITA
del 01/09/2016

IL CAMBIAMENTO...
del 09/07/2016

DOLORI E BLOCCHI EMOTIVI
del 25/11/2015

LO SPORT, IL TRAUMA E LA RESILIENZA
del 13/12/2014

LA RUOTA DEL CAMBIAMENTO
del 23/09/2014

PSICOLOGIA POSTURALE Dott.ssa Bonato
del 01/08/2014

SPORT E AUTOSTIMA Dott.ssa Bonato
del 24/06/2014

SPORT E BENESSERE, SPORT È BENESSERE- Dott.ssa Bonato
del 30/04/2014

Interviste Esclusive

Rosanna Martin - Campionessa di Corsa
del 19/06/2014