CONTRO L'INTESTINO PIGRO TANTO MOVIMENTO E L'USO DELLE ERBE

CONTRO L’INTESTINO PIGRO, TANTO MOVIMENTO E L’USO DELLE ERBE
Cattive abitudini alimentari e vita sedentaria causano l’atonia delle pareti intestinali

 L'intestino pigro può essere una condizione episodica o una vera e propria sindrome.

E' bene non sottovalutare mai questo genere di problematica e approfondirne le cause che possono essere di varia origine.

Tanti pensano che basti un lassativo qualsiasi per risolvere il problema, in più c’è un’estrema reticenza a parlarne…

Risultato: spesso i pazienti arrivano dal medico quando ormai sopportano i sintomi da anni, dopo aver provato ogni genere di “fai da te”.

La conseguenza diretta dell’intestino pigro è la stitichezza, o stipsi, che consiste in un ritardo più o meno accentuato nell’eliminazione delle feci. E’ difficile stabilire un numero normale di evacuazioni, poiché ogni intestino lavora secondo i propri ritmi.

Tuttavia, si può parlare di “stipsi” quando le feci non vengono eliminate più di 3 volte a settimana.

Prescindendo dalle cause fisiche, il fatto di avere il cosiddetto “intestino pigro” per lo più dipende da cattive abitudini alimentari - come ricorrere ad un’alimentazione frettolosa e povera di cibi vegetali ed integrali - e da cattive abitudini comportamentali, come condurre una vita sedentaria.

In casi di intestino pigro, è opportuno ricorrere ai farmaci solo dietro consiglio medico, mentre è basilare adottare abitudini alimentari adeguate ed uno stile di vita più corretto: in primis, fare movimento, bere abbondantemente, seguire un’alimentazione ricca di fibre e liquidi, mangiare con calma e in orari regolari, evitare di reprimere lo stimolo naturale.

La vita sedentaria induce atonia delle pareti intestinali, ed è quindi la causa principale dell’intestino pigro.

Al contrario, una regolare attività fisica tonifica i muscoli dell’addome, facilitando la motilità intestinale.

Le fibre, oltre a trattenere i liquidi che rendono le feci più morbide, producono una maggiore quantità di scorie fecali, che sollecitano meccanicamente i movimenti.

Tra gli alimenti ricchi di fibre ad azione lassativa, segnaliamo in particolare: avena, kiwi, prugne, bietole, cavoli, cicorie e carciofi.

Laddove ciò risultasse insufficiente per contrastare l’intestino pigro, è utile avvalersi di miscele di piante ad azione lassativa, che agiscono in maniera sinergica.

L’effetto purgante varia in base alle condizioni in cui è cresciuta la pianta e alle metodiche di lavorazione, per cui è utile avvalersi del consiglio di un professionista.

Tra le piante principali consigliate ricordiamo: senna, cascara, cassia, aloe e rabarbaro, ricche di glucosidi antrachinonici ad attività purgante.

La senna possiede un particolare tropismo elettivo nei confronti dell’intestino crasso e i suoi sennosidi si comportano come pro farmaci, acquisendo azione lassativa solo dopo essere stati metabolizzati dalla flora batterica intestinale.

La reina, il principio attivo caratteristico della senna, è scarsamente assorbito e agisce in situ esaltando la secrezione di acqua ed elettroliti nel lume intestinale, inibendo il riassorbimento e aumentando il contenuto enterico, che di fatto rappresenta un grosso stimolo per l’aumento di motilità dell’intestino crasso.

E’ sempre utile associare erbe come finocchio, cumino e carvi - che aiutano ad eliminare il gonfiore intestinale che si forma a causa della cattiva digestione - oltre a piante ad azione coleretica e colagoga, che stimolano la produzione di bile da parte del fegato, come il tarassaco, il marrubio e il boldo.

La radice di liquirizia svolge una leggera azione lassativa grazie alla presenza di mannite, che agisce attirando acqua nel colon.

Utili per alleviare i fastidi da intestino pigro risultano anche le piante ad azione eupeptica ed emolliente-lubrificante, quali la genziana e la malva, ed altre di tipo meccanico, tipo i semi di psillio, che, che grazie alla ricchezza di mucillagini, incrementano la motilità intestinale.

Un consiglio in chiusura: al mattino appena svegli è bene bere un bicchiere di acqua naturale non fredda con un cucchiaino di miele. L’acqua con il miele ripulisce il tubo digerente e aiuta i reni a drenare le scorie che si accumulano di notte, producendo un effetto sgonfiante sin dal mattino.

Condividi con i tuoi amici su:  

Articoli del Blog

CONTRO L'INTESTINO PIGRO TANTO MOVIMENTO E L'USO DELLE ERBE

COME COMBATTERE IL MAL D'AUTUNNO

COME CURARE LE DISTORSIONI

VIAGGIARE IN SALUTE

PAUSE SOSPETTE E DOLORI AL POLPACCIO

I CANNELLI DI ZOLFO

SCHIENA FLESSIBILE ED ELASTICA IN 6 MOSSE

IL SALE COME ASSUMERLO AL MEGLIO

IL BUONUMORE SALE DAI PIEDI

L'ENERGIA TRAVOLGENTE DEL SAMBA FIT

BELLEZZA IN BICICLETTA

TUTTI PAZZI PER IL BEACH TENNIS

IL VIRTUAL TRAINER

COME COMBATTERE IL TORCICOLLO

I FATTORI DI RISCHIO DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI del DOTT. MARIO TRIVELLATO

Eventi

I NOSTRI NAZIONALI DI KICKBOXING E TAEKWONDO

RBREMEDIA TRA GLI SPONSOR DI ALEP

Una vittoria dopo l'altra per il IL NUOVO VOLTO RB 2015

IL CONFLITTO NELLO SPORT E NELLA VITA

IL CAMBIAMENTO...

DOLORI E BLOCCHI EMOTIVI

LO SPORT, IL TRAUMA E LA RESILIENZA

LA RUOTA DEL CAMBIAMENTO

PSICOLOGIA POSTURALE Dott.ssa Bonato

SPORT E AUTOSTIMA Dott.ssa Bonato

SPORT E BENESSERE, SPORT È BENESSERE- Dott.ssa Bonato

Interviste Esclusive

Rosanna Martin - Campionessa di Corsa